Piero Sidoti a Leggermente 11/12


venerdì 16 marzo 2012 • 20:45 Auditorium Scuole Medie Viale Kennedy, San Daniele del Friuli

Vitigno udinese di lenta maturazione che esprime grande raffinatezza e, anno dopo anno, ne dà pronta conferma. Vino di ottima profondità di sentimento e ricercatezza lessicale che ne caratterizzano l’inconfondibile tono vocale, di bassa acidità che non indulge all’affettazione o al vittimismo. Il Sidoti è un vino sobrio all’eccesso, da bere tutto d’un fiato.
Scheda Tecnica. Vitigno: Merlot. Denominazione: Udine. Tipo di terreno: cantautorale, poetico, matematico, scientifico. Note sensoriali; Colore: Rosso teatrale di bella intensità. Profumo: Spiccano note fruttate e speziate di rara profondità e ricchezza, dominate da sentori di prugna, ciliegie sotto spirito, pesce stanco e cane bagnato. Gusto: Al palato si presenta decisamente graffiante, magico, suadente con sentori di chinotto, tamarindo, caramella mou e liquerizia; ha grande struttura e un perfetto equilibrio che accompagna un finale di grande aspettativa che a ogni assaggio lascia scoprire nuove note. Retrogusto amaro. Abbinamenti: Vino da meditazione, predilige la solitudine e l’attesa. Si accompagna magnificamente con piatti di lenta e lunga preparazione (non fast-food) a base di carne di pecora bianca e riso Venere.
Letture della serata: A. Collavino: A metà della matita; S. Benni: La Grammatica di Dio; G. Gaber: Questi assurdi spostamenti del cuore; I. Calvino: Le Cosmicomiche; G. D’Annunzio: La pioggia nel Pineto; M. Bulgakov: Il Maestro e Margherita